profilo

Le Musiche Nove – Claudio Osele

L’ensemble, fondato da Claudio Osele nel 2001 per dare concreta e diretta realizzazione musicale al lavoro di ricerca e edizione da lui svolto sulle fonti manoscritte del 17˚e 18˚secolo, è costituito da rinomati musicisti attivi nel campo dell’esecuzione filologicamente informata.

Le Musiche Nove si sono esibite, tra l’altro, al Concertgebouw di Amsterdam, ai festival di Salisburgo e Lucerna, alla Philarmonie e alla Konzerthaus di Berlino, all’Accademia di Santa Cecilia in Roma, alla Herkulessaal di Monaco di Baviera, al Théatre des Champs-Elysées di Parigi e alla Kissinger Sommer.

L’interesse di Claudio Osele per un repertorio ingiustamente dimenticato, o non appieno valorizzato, si riflette non solo nell’attività de Le Musiche Nove ma è anche all’origine, grazie alle edizioni critiche da lui approntate, di registrazioni d'arie d’opera di Vivaldi, Gluck, Salieri e Righini e, in Opera proibita, di arie dagli oratori romani di Scarlatti e Caldara, che hanno gettato nuova luce su questi compositori.

Recentemente, un progetto ad ampio raggio dedicato alla riscoperta del repertorio della scuola napoletana di primo Settecento ha portato all’incisione per Deutsche Harmonia Mundi-Sony di Lava, un CD con protagonista il soprano Simone Kermes.

A questa registrazione, che ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali (“un trionfo per Kermes e Osele” si legge nella recensione del Sunday Times), ha fatto seguito Colori d’amore, un album incentrato sullo splendore musicale della Vienna barocca, pubblicato da Sony Classical e accolto da grande favore di pubblico e critica